Invia alla tua email
Vacanza in agriturismo
Ricerca il tuo agriturismo
Visualizza i nostri agriturismi in italia Sardegna Sicilia Abruzzo Puglia Calabria Trentino-Alto Adige Valle d'aosta Friuli-Venezia Giulia Veneto Lombardia Marche Campania Umbria Emilia Romagna Piemonte Lazio Basilicata Molise Toscana Liguria
Scegli una regione
Scegli una provincia
  • Fuga romantica
  • Famiglia & Bambini
  • Avventura
  • Arte e cultura
  • Enogastronomia
  • Wellness
  • Eco friendly
  • Trekking
  • Cicloturismo
  • Golf
  • Equitazione
  • Sport acquatici
  • Sport invernali
  • Shopping
  • Pellegrinaggi religiosi
  • Mare
  • Collina
  • Montagna
  • Lago
  • Vicino al capoluogo
  • Vicino alla stazione
  • Azienda biologica
  • Fattoria didattica
  • Ristorazione
  • Pensione Completa
  • Mezza Pensione
  • Colazione
  • Animali Ammessi
  • Piscina
  • Prodotti tipici
  • Parco giochi
  • Città d'arte
  • Caccia
  • Pesca
  • Ping Pong
  • Tiro con l'arco
  • Yoga
  • Tennis
  • Prodotti Biologici
  • Produzione degustazione
  • Diversamente Abili
  • Carta di Credito

 

 

Metti alla prova gli Agriturismi!
Ricevi proposte per quello che hai scritto

 

 

 

La provincia di Oristano - Quiete in movimento

Gustatevi la provincia di Oristano in una delle tante e attrezzate strutture agrituristiche della provincia.

La provincia di Oristano - Quiete in movimento



Gustatevi la provincia di Oristano in una delle tante e attrezzate strutture agrituristiche della provincia, una vacanza per tutta la famiglia alla scoperta di una terra antica che sa stare al passo con i tempi.
Rimane placida e impassibile Oristano anche quando viene colpita dal vento di maestrale che in alcuni periodi dell’anno raggiunge i cento chilometri orari.

Osservandola da lontano, infatti, è proprio una profonda sensazione di calma e di quiete che ispira, probabilmente perché circondata da un mare talmente limpido da far sembrare altrettanto serena l’intera cittadina.
Ma avvicinatevi e guardatela più attentamente. La maestosa torre che domina il centro storico è la Torre di San Cristoforo, chiamata anche porta Manna (che vuol dire porta grande); fa parte di un’imponente opera difensiva della città per volere del Giudice Pietro II, che vi regnò dal 1221 al 1241. La funzione era quella di proteggere dai numerosi saccheggi e dalle violente incursioni di cui era periodicamente vittima Oristano; un passato tutt’altro che tranquillo, in stridente contrasto con l’aspetto odierno.

Ma c’è un altro avvenimento storico a far scorgere, sotto la patina di immobilità di Oristano, un singolare impeto di cambiamento. Durante il Medioevo, infatti, la città fu governata dalla giudicessa Eleonora d’Arborea, la quale si fece promotrice di una serie di innovazioni, tra cui la liberazione dei servi e, soprattutto, la promulgazione della “Carta de Logu”, uno fra i primi codici di leggi scritte di tutta l’Europa. Se queste informazioni vi hanno incuriosito e avete voglia di conoscere più a fondo la storia di Oristano, non mancate di visitare l’Antiquarium Arborense, che custodisce interessanti reperti archeologici venuti alla luce in seguito ai numerosi scavi della città.

Oristano fa rima con Vernaccia: il famoso e squisito vino sardo, infatti, è un “must” da gustare insieme ai tipici dolci alle mandorle; e se desiderate portare un po’ di Oristano a casa, non avete che l’imbarazzo della scelta tra gli splendidi oggetti in ceramica. L’arte della lavorazione della ceramica oristanese risale addirittura al XII-XIV secolo e si è tramandata nel tempo, attraverso un movimento evolutivo che coniuga il vecchio al nuovo, tanto che ancora oggi, presso il locale istituto d’arte, si insegna quest’attività in grado di unire sapienza antica a nuovi fermenti.
Una sosta di tranquillità prima di lasciare la bella cittadina sarda: recatevi presso la vicina laguna di Cabras e se vi scorgete una immensa distesa di rosa, non preoccupatevi, si tratta di splendidi esemplari di fenicotteri che, con la loro eleganza, conferiscono un tocco di altera nobiltà a questi luoghi.

Spostiamoci di qualche chilometro per visitare Bauladu, un piccolo centro con meno di mille abitanti. Qui è possibile visitare un perfetto esempio di tradizione in movimento, ovvero i mulini idraulici che sfruttavano il dislivello causato dalla presenza del fiume Cispiri per macinare il grano e i cereali.

Ancora più ridotto è il minuscolo comune di Sennariolo, uno dei più piccoli dell’intera regione.
Rinomato per il suo eccellente olio d’oliva e per il suo gustoso miele, Sennariolo, nonostante le dimensioni, vanta importanti motivi di interesse. In primis le “tombe dei giganti”, antichissime sepolture di età nuragica presenti solo in Sardegna, costituite da una pianta rettangolare e da lastre di pietra di grandi dimensioni conficcate nella terra, a formare una camera funeraria lunga anche trenta metri ed alta tre.

Da monumenti antichissimi ad un’architettura avveniristica, il nostro viaggio continua alla volta di Riola Sardo dove vi consigliamo di visitare qualcosa di particolarmente originale: il Parco dei suoni. Ricavato dalle antiche cave dismesse, si articola in diversi percorsi sonorizzati, ciascuno improntato ad un tema musicale differente. La sensazione che si prova è di trovarsi quasi di fronte a delle “sculture sonore” dove l’interazione con gli spazi aperti, dovuta all’assenza di soffitto, crea un effetto di grande suggestione. Un concreto e ammirevole esempio di ingegno umano che si innesta su luoghi naturali preesistenti, rinnovandoli in una nuova funzione.

Di certo il nostro itinerario alla scoperta della provincia di Oristano ha svelato un territorio dove il tempo è scandito da un movimento che, dietro l’immobilità apparente, cela un tumulto di fermenti, idee e progetti.

Lo Sapete che?
Chi di voi non ha mai sognato, ai tempi della scuola, di poter assistere, invece che alle solite  noiose lezioni di matematica, italiano o storia, a lezioni entusiasmanti su argomenti non convenzionali? Magari di poter apprendere le storie di Tex Willer, o gli sketch di Franco e Ciccio o semplicemente approfondire argomenti amorosi. Oggi questo desiderio non è più fantascienza perché ad Oristano è nata l’Università della Felicità “Aristan”. L’idea, finalizzata ad accrescere il “Fil”, felicità interna lorda, è stata accolta subito con entusiasmo dalle centinaia di iscritti che hanno gioiosamente aderito all’iniziativa. Il corso di laurea conferisce un titolo di studio simbolico, che non ha valore legale, ma che allena la mente contro le brutture della vita. Prestigiosi i docenti, tra cui Vittorio Sgarbi, Barbara Alberti, il regista Filippo Martinez e davvero singolari le materia insegnate: Francoecicciologia, Paura, Follia, Libertà, Adescamento, Divertentismo, Ars amatoria, Coscienza comparata, Tex Willer.  A giudicare dal numero di iscritti si direbbe che la ricerca della felicità non ha mai fine e intraprende, talvolta, strade nuove e originali.



Vacanza in agriturismo con animali | Vacanza in agriturismo in Umbria | Vacanza in agriturismo in Sicilia | Vacanza in agriturismo in Campania | Agriturismo al mare in Sicilia | Vacanze in famiglia in agriturismo in Toscana | Vacanza in agriturismo in Veneto | Vacanza in agriturismo in Trentino | Vacanza in agriturismo nelle colline toscane | Cicloturismo e mountain bike in Toscana | Vacanza in famiglia in agriturismo

Agriturismo.com | site map | | Chi siamo | Iscriviti alla newsletter

Copyright ® 1998 - 2019 Agriturismo.com Srl
Tutti i diritti sono riservati [ privacy ]

Agriturismo.com S.r.l.
Società soggetta a direzione e coordinamento da Uplink Web Agency S.r.l.
P. Iva 02143170518
Cap. Soc. Euro 110.000,00 i.v.